• Sab. Mar 2nd, 2024
Filippo Biagioli installazione al Museo Archeologico Nazionale di Venezia.

Filippo Biagioli installazione al Museo Archeologico Nazionale di Venezia.

Quando Persefone riabbraccia la madre Demetra, la natura rinasce ed è subito primavera, cui seguirà l’estate in un profluvio colorato di profumi e calore dopo il freddo inverno.
E cosa c’è di meglio di un pic-nic d’arte per celebrare il ritorno alla vita e il rinnovo dei cicli naturali?

É con queste calzanti parole, che Luca Trolese, assistente del Museo Archeologico Nazionale di Venezia introduce e descrive l’installazione temporanea e performance di Filippo Biagioli nelle loro sale, tenutasi il 31 Marzo 2023. L’artista ha scelto di ricreare un pic-nic d’arte fra le sculture marmoree nella sala che ospita la figura di Persefone:

La mia idea è quella di portare la primavera tra le sale del museo, dare la possibilità al visitatore di osservare le opere da una prospettiva diversa e farlo seduti sopra un’opera d’arte.

Così l’autore ha realizzato un tappeto ricamato di fiori che è stato arricchito con un vaso di fiori di stoffa e alcuni piatti dipinti, una cassetta da pic-nic piena di libri:

Ho voluto inserire sul tappeto di fiori anche tre piatti, dipinti a mano. Essi riportano scritto – L’arte che verrà – a ricordare che la cultura contemporanea di oggi sarà l’archeologia di domani. Molto spesso ce lo dimentichiamo e tendiamo a comportarci come se non esistesse un domani.

Del pomeriggio trascorso nell’installazione d’arte di Filippo Biagioli è stato realizzato uno shortfilm

Essere ospitato al Museo Archeologico Nazionale di Venezia è stato per me una grande soddisfazione. Lo spazio ha aperto nel 1596, ospita sculture greche e romane, bronzi, ceramiche, gemme e monete, è un vero viaggio nel tempo.