• Mer. Giu 29th, 2022

NOTA:



Chi desidera acquistare le opere può rivolgersi a:

per i DIPINTI: Galleria Viadeimercati Vercelli che ne detiene l’esclusiva, CLICCANDO QUI

per le GIO’O DOLL e FIGURE DA PREGHIERA: Magellan Art Gallery, CLICCANDO QUI

per TUTTE le altre tipologie di opere ed AD PERSONAM: il mio negozio personale CLICCANDO QUI o analphabeticart@libero.it

Seguimi su Twitter @analphabeta.

Pagina facebook: European Tribal Art Gallery

————————————————————————–

Buongiorno / Buonasera a tutti,
da questo buio pomeriggio, i lavori al nuovo studio si sono fermati. Nel Santuario dell’Acqua ho problemi a lavorare da solo, devo collocare 4 Guardian Figure di peso non indifferente. Avrò un amico che fra qualche giorno mi verrà a dare una mano, nel frattempo colgo l’occasione per iniziare di nuovo a “lavorare”. Da domani quindi, si inizia la realizzazione delle opere verso la mostra personale alla Galleria Viadeimercati nel 2016. A fine lavori poi, non sono venuto via con il sopraggiungere del crepuscolo. Sono rimasto lì sul fiume, con quell’aria rossa che stava lasciando il posto all’oscurità e l’acqua che scorreva “suonando” con i sassi, un canto del tutto particolare. Sono sempre scosso dagli avvenimenti di ieri a Parigi, anche se non l’ho mai visitata, anche se non di persona, non conosco nessuno che ci abita. Eppure, ero preoccupato per gli amici che in questi anni ho imparato a conoscere via web e che hanno la passione verso le arti primarie. E qui, sapendo ora che stanno tutti bene, il mio pensiero torna a “respirare” e torna libero. C’è un filo che collega Parigi a Kathmandu, e che definirei della “speranza”. La verità è che per la mentalità “artistica” che abbiamo in Italia, io non sono un artista contemporaneo per i collezionisti dell’arte contemporanea e non sono un artista tribale per i collezionisti di arte tribale. Ciò è verissimo. Io mi colloco in un “posto” dove non c’è definizione, dove non ci sono regole, scuole o correnti. Altresì per la definizione di “tribale” molto accademica del termine, io non posso esserlo in quanto europeo. Allora cosa sono? Non lo so nemmeno io cosa sono. Io sono un tipo che ha mille paure, ha poca voglia di vivere a tratti e che quando si sveglia la mattina inizia con tutta una serie di comportamenti (o riti) che lo aiutano a trascorrere la giornata senza diventare matto. Quello che faccio non so se è arte, so però che è qualcosa a cui tengo e che fa parte della mia vita. In Italia e all’estero mi conoscono in tanti tra addetti ai lavori, studiosi, galleristi, musei, ecc. ecc. ma pochissimi si avvicinano a me. Quindi me ne rimango solo sul mio torrente, con i miei animali e le mie opere che mi guardano e chissà cosa pensano. Al di là di ciò e del territorio italiano, però ci sono Parigi e Kathmandu dove mi hanno accettato. Io mi sono presentato come sempre, con le mie idee scritte nero su bianco e con le foto delle mie opere a Parigi e con le opere fisiche in Nepal dove l’amico antropologo Andrea Mordacci organizzò un incontro sull’Arte Himalayana. In entrambe le città avrebbero potuto rimanere fermi sulle loro posizioni, d’altronde sono snodi importanti per certe Arti Primarie. Invece no, mi hanno aperto le braccia, hanno guardato con curiosità a questa mia arte tribale europea. Mi hanno anche incoraggiato ad andare avanti, a continuare a scrivere per approfondire ciò che facevo. Questa volta l’arte ha frantumato il muro del “diverso”, ha aperto le braccia alla curiosità e al sentirsi uniti da una passione e forse anche da un ideale. Come diceva un mio collega africano di cui non so ne scrivere ne pronunciare il nome: “Siamo un mondo intero nato dalla bellezza dell’Arte Tribale”. Ecco, dopo gli attentati di Parigi, i massacri africani, le guerre intestine agli Stati in ogni angolo del mondo, io voglio ricordare Parigi e Kathmandu e come mi hanno accolto, perchè allora un altro mondo è veramente possibile.

filippo biagioli stoffa analphabetica ritual cloth
filippo biagioli stoffa analphabetica ritual cloth

filippo biagioli stoffa analphabetica ritual cloth

questo per adesso è tutto

A presto

filippo

l’analphabeta

Nroomから度々展示に参加しているイタリア人作家Filippo Biagioliが、新作漫画を届けてくれました。日本語版のタイトルは「退屈」です。

日々の生活に何かが足りないと感じる時、何だか新しい事をしてみたい時、ちょっとだけ背中を押してくれる・・かも(たぶん?)

詳しくは以下をどうぞ。読んでみたい方はご一報ください。通常のFilippo作品も掲載中です。

http://nroom-artspace.com/Filippo.html